Molti di voi sapranno che alcune auto hanno il cruscotto rivestito con una speciale vernice effetto soft touch. Forse pochi sapranno che una buona parte di queste superfici è soggetta a deterioramenti più o meno gravi.
La Fiat Stilo è una di quelle che presenta un deterioramento grave: sembra che la vernice si depolimerizzi, o meglio: anzichè indurirsi e perdere l’effetto morbido al tatto, torni ad uno stato pseudo gelatinoso.
Il risultato è quello di avere un cruscotto Killer! Killer di abiti e pantaloni che si imbrattano di questa patina, un cruscotto che lascia il segno.
Questo un video di quanto descritto.


Una soluzione rapida (ma discutibile e forse un pò naif!) è quella di foderare tutto con tanti fogli di giornale, che restano ovviamente incollati alla patina del cruscotto e almeno i vestiti son salvi!
Io ho optato per il Plastidip, vernice spellicolabile ad effeto gommato, disponibile sia in bombolette sia sfusa per pistole a spruzzo.
Un prodotto davvero innovativo, facile da usare e dal risultato assicurato.

plasti_dip

Ho smontato le plastiche del cruscotto interessate al deterioramento,

plastidip_cruscotto_www.lorenzoimbimbo.com_001_ridimensionare
ho rimosso con fatica e pazienza la patina appiccicaticcia, usando  a tentativi  solventi sempre pià aggressivi (nell’ordine : alcool, antisiliconico, diluente sintentico, diluente nitro..).

plastidip_cruscotto_www.lorenzoimbimbo.com_002_ridimensionare

Ho imbevuto pesantemente uno straccio con diluente nitro ( ne avrò usato circa mezzo litro e due stracci che si sono sacrificati per la causa) e son riuscito nell’impresa.
Per ridare l’effetto gommato e per uniformare una plastica oramai segnata dal tempo, dai graffi e anche da un lieve effetto nebbia tipico del diluente nitro, ho steso due mani di PLASTIDIP. Ecco come si presenta la plastica prima del trattamento con plastidip.

plastidip_cruscotto_www.lorenzoimbimbo.com_003_ridimensionare

Il risultato si commenta da solo: le plastiche sembrano appena uscite dalla fabbrica di stampaggio, inoltre è evidente come la goffratura originale della superficie sia preservata con questo trattamento.
Questo trattamento può esser applicato a qualsiasi cruscotto deteriorato, come quelli che ho visto su alcune Lancia e su alcune VolksWagen Golf.

8 Comments

  1. Gabriele Iannotta
    24 agosto 2018

    Leave a Reply

    Lorenzo, grazie per le info…. puoi spiegare meglio il procedimento con l’uso del PRIMER per rendere il trattamento irreversibile?

    • Lorenzo Imbimbo
      27 agosto 2018

      Leave a Reply

      ciao, riporto quanto scritto sul sito del produttore:

      How To Use:

      Surface must be clean and dry. Avoid direct sunlight, high humidity, or breezy conditions.
      To improve adhesion, apply Plasti Dip Primer on surfaces before applying Plasti Dip.
      Shake can vigorously for one full minute after mixing ball begins to rattle. Shake often while applying.
      Hold can 12-16” from surface, moving can back and forth slightly overlapping each stroke. Apply heavy enough to produce an even, wet appearance.
      Allow 1 hour dry time. One coat is recommended. Coverage: Approximately 5-10 sq. ft. per can.

      Quindi praticamente, passi il primer a singola mano, aspetti un’oretta e passi il plastidip come di consueto.

  2. Dave
    30 luglio 2018

    Leave a Reply

    Mi puoi confermare che non si stacca con il tempo? Quella vernice non è di tipo asportabile?

  3. Dave
    30 luglio 2018

    Leave a Reply

    Ma non viene via?…. quelle vernice non è quella rimovibile?

  4. carlo
    26 agosto 2016

    Leave a Reply

    bravo Lorenzo!

  5. lucas
    5 novembre 2014

    Leave a Reply

    molto interessante!

Rispondi