Nel 2001 ho realizzato una coppia di casse secondo il progetto CORAL RS1, ma a quel tempo non avevo la fotocamera digitale, queste sono le uniche foto che ho della fase di realizzazione.

Con un trapano a colonna creai l’incasso per gli altoparlanti, con una dima creata ad hoc feci la stondatura dei bordi.
Si tratta di un profilo in alluminio ad “L” il cui angolo interno è stato riempito con stucco epossidico ad acqua, modellato grazie ad un profilo circolare, bagnato nell’acqua.. in questo modo ho il negativo del proprio il profilo che voglio ottenere sul legno!

con una striscia di biadesivo sottile ho assicurato una striscia di carta vetrata da 120.. un pò di olio di gomito et voilà, la fresatura è servita!

con lo stesso epossidico ho creato due impugnature ergonomiche

di tanto in tanto occorre cambiare la striscia di carta vetrata.

Pitturai le casse a bomboletta con un insolito azzurro puffo, ral 5012, lucido diretto.

1

Tanti anni dopo ho comprato una coppia di casse dello stesso progetto, ma con finiture assolutamente da rivedere, con l’intento di realizzare  quattro casse con la stessa finitura, ossia bianco lucido, con bordi stondati e altoparlanti incassati.

queste sono le casse oggetto del restauro: rivestimento in sughero dipinto a pennello, logo appiccicato, preso da ritaglio di giornale

 

 

HO in primis ovviamente tolto gli altoparalanti..
Ho rimosso il sughero, dapprima meccanicamente (cioè strappandolo via) e poi con l’aiuto di una pistola termica, per ammorbidire la tanta colla che lo teneva incollato al legno..

Ho preoseguito con spatola e pistola termica

Ho carteggiato con la levigatrice

qui si vede la faccia anteriore ancora da levigare

ho simulato l’incasso per gli altoparlanti, con una tavoletta da 4 mm di mdf, tagliata con il seghetto alternativo e rifinito il foro a mano, con una tecnica semplice ma efficace; ho avvolto carta vetrata grana 200 attorno ad un barattolo di pelati, passando e ripassando fino ad ottenere un cerchio il pù possibile regolare.

 

ho incollato la tavola alla faccia frontale, aiutandomi con gli altoparlanti montati nella loro posizione finale, per posizionare correttamente la tavola, affinchè i due fori creati fossero in corrispondenza con gli altoparlanti stessi.
Poi ho carteggiato i bordi, ho stuccato tutte le giunture e leviti a vista con dello stucco poliestere per legno, ho levigato nuovamente.

 

ho quindi usato la dima di cui sopra (ancora validissima dopo tanti anni!) per stondare i bordi.

Si passa ora al primer riempitivo, altra passata leggera di levitatrice ( grana 300-400) e poi due mani di bianco opaco e una di trasparente lucido

 

 

non ci resta che pettinarci ben bene le orecchie!